RECUPERO ENERGIA DAL CAMINO

DEL MATURATORE DELLA FARINA

 FINO A 25 kW/h DI ENERGIA TERMICA RECUPERATA

In un impianto di estrusione il mix di farina viene pre-trattato nel maturatore prima di essere immesso nell'estrusore vero e proprio. Il trattamento nel maturatore consiste nella cottura con acqua e vapore della farina stessa.

Nel trattamento la farina, che entra a temperatura ambiente, viene portata fino a 90 < 100°C che è considerata la temparatura ottimale per il trattamento seguente.

La pre-cottura della farina di estrusione viene eseguita nel maturatore immettendo acqua e vapore.

Per sicurezza di risultato, il vapore viene sempre immesso in quantità superiore a quanta i cereali macinati assorbono nel corso della gelatinizzazione, indispensabile a renderli attaccabili dagli enzimi della digestione.

La quantità di vapore in eccesso è scaricata  attraverso il camino che troviamo in testa al maturatore.

Questo vapore alla lunga renderebbe invivibile il locale dove sono installati gli estrusori, per cui spesso si risolve il problema empiricamente, collegando il camino con la condotta di aspirazione, che trasferisce le crocchette dalla testa dell’estrusore all'essiccatore. Questa soluzione presenta però inconvenienti:

a) Spreca interamente l’energia che è stata spesa per la produzione del vapore che non viene interamente utilizzato per la cottura e la idratazione dei cereali;

b) Si immette acqua nel ciclo di essiccazione. Acqua che dovrà essere nuovamente evaporata con ulteriore spreco di energia;

c) Una certa quantità di farina non completamente pre-trattata potrebbe essere aspirata e inquinare il prodotto finito.

A seguito di rilievi fatti in produzione abbiamo constatato che l’energia sprecata dallo scarico attraverso il camino è per un estrusore da 10 t/h addirittura di circa 25 kW !!

La CRISTIANO TORRE ha progettato, realizzato e messo definitivamente a punto un impianto di recupero energia con sistema di aspirazione del vapore che permette, appunto, di aspirare interamente il vapore scaricato dal camino e utilizzarlo per riscaldare dell’acqua che può essere utilizzata per:

  • Alimentare lo stesso maturatore migliorando il processo di precottura in termini di qualità di gelatinizzazione e di impiego di energia in quanto il vapore immesso non deve riscaldare la parte acquosa del processo;

  • Alimentare, previo eventuale trattamento di micro-filtrazione, qualsiasi processo che richieda acqua calda;

  • L’utilizzo ideale, ovvero quello di alimentare in acqua calda il sistema di riciclo degli scarti umidi di estrusione TORRE tipo RSE2000VE.

  • Alimentare con acqua calda la lavatrice dei vagonetti per la movimentazione degli scarti umidi di estrusione

SCHEMA IMPIANTO DI ASPIRAZIONE VAPORE

A – Ingresso farina di estrusione a temperatura ambiente

B - Uscita verso l'estrusore della farina precotta a una temperatura di 90 < 100°C

X – Ingresso vapore per idratazione e cottura

Y – Scarico di vapore attivo per mancato assorbimento della farina

C – 'Venturi' inox DN 65 aspirazione fino a 170 m2/h

D – Mandata acqua calda (fino a 90°C) verso il maturatore o verso altri utilizzi

E – Carico acqua

M1 – Pompa di circolazione circuito 'Venturi' 7,50 kW

M2 – Pompa alimentazione acqua calda

SKID DI TRE IMPIANTI ASSERVITI A 3 LINEE DI ESTRUSIONE

SKID IMPIANTO SINGOLO

VENTURI CON CAPPA DI ASPIRAZIONE SU MATURATORE

CAPPA DI ASPIRAZIONE SU CAMINO DEL MATURATORE

DSCN3912g.JPG
CIMG5645g.JPG
CIMG5647g.JPG
Cattura5.PNG
20170714_195951.jpg
20170714_195931.jpg
Show More